Home   /  santa barbara

CHIESA DI SANTA BARBARA

Le prime notizie della chiesa sono del 1309, con il rettore Guglielmo BUDECA (BUDETTA) e il cappellano Nicola de Malzerico. Nel 1511 è già Parrocchia: ha il fonte battesimale, gli oli santi e il Santissimo. Nella visita pastorale del 1564 la cappellania e  la  rettoria sono distinte, con rendite corrispondenti  di 6 e 4 ducati. Nella visita del 1594 la rettoria è unita alla parrocchia. Dai paramenti manca la pianeta bianca per negligenza del parroco, che viene multato di un ducato e invitato a procurarla a spese proprie e dei fedeli. A causa delle precarie condizioni della struttura, in passato si era stabilito di costruire una nuova chiesa. All’atto della visita la costruzione è in corso, nel contempo rimane aperta la vecchia sede, dove si celebra con grave pericolo per i fedeli. Al controllo i libri parrocchiali risultano non aggiornati e privi di annotazioni per battezzati, cresimati, morti e matrimoni. I vasetti dei sacri oli sono troppo piccoli  con le iscrizioni appena leggibili. Il visitatore prescrive una maggiore cura nella tenuta dei libri e di rifare le iscrizioni ai vasetti con lettere maiuscole ed in forma moderna. Nella visita del 1605 la nuova chiesa è ancora in costruzione, pertanto il visitatore rinnova ai fedeli l’invito a completarla  "quam primum”. Allo stesso tempo, a causa della povertà del curato e dell’impiego delle entrate della chiesa per la nuova fabbrica, tollera l’inconveniente del fonte battesimale, che non è collocato dietro la porta più grande della chiesa e debitamente ornato, come prescritto nelle costituzioni sinodali. Il 4 Luglio 1608 parrocchia e rettoria sono ancora unite. Alla ultimazione dei lavori della nuova chiesa manca solo il tetto. Il visitatore esorta i fedeli a fare in modo che l’opera sia conclusa entro il settembre successivo. I libri parrocchiali pur essendo “ad formam sinosi” sono ancora mal tenuti, si prescrive, entro sei mesi, di procurare i nuovi e di conservare i vecchi a futura memoria. Infine viene ordinato che per nessun motivo si seppelliscano i corpi dei defunti “in solio ecclesie”. Il parroco non abita in parrocchia, poiche’ questa è sprovvista di canonica e, come testimoniano i fedeli, non ha trovato casa nel casale. A tal proposito il visitatore al curato di procurarsi l’autorizzazione dell’arcivescovo a risiedere fuori parrocchia. La chiesa è elencata tra le parrocchie della Terra di San Giorgio. La costruzione della casa canonica risale al 1950 circa. Nel 1986 la parrocchia è stata accorpata alla parrocchia S. Maria di Costantinopoli, delle vicine frazioni Aiello e Campomanfoli, e alla Parrocchia S. Maria a Favore della vicina e omonima frazione, diventanto così una sola realtà parrocchiale, benchè costituita da tre chiese principali. La chiesa, dopo i danni causati dal terremoto del 1980, è stata chiusa nel 2000 per interventi di ristrutturazione, consolidamento e restauro. E' stata riaperta al culto il 3 dicembre 2006.

Le Altre Parrocchie del comune di Castel San Giorgio (SA), 

 

Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità alla Cookie Policy.